Progetti con il territorio

Progetti con il territorio

PROGETTO QUARTIERANDO

Progetto volto a creare un'alleanza tra i quartieri del contesto bassanese


Il progetto “Quartierando” è stato presentato il 9 ottobre 2020 ai presidenti dei Comitati di quartiere come opportunità di co-costruire nuove risposte ai bisogni delle famiglie.

A partire dal lockdown, d’un tratto ci siamo trovati tutti nella stessa tempesta, se non proprio sulla stessa barca. E abbiamo visto quanto le nostre vite siano interconnesse.

È emerso uno spirito comunitario e ciascuno si è sentito responsabile verso la salute altrui.

Ci siamo scoperti tutti vulnerabili e bisognosi di protezione reciproca. Abbiamo apprezzato il valore dei servizi di welfare sociale e delle reti di solidarietà civica.

La Fase 1 è stata un momento di svelamenti, la rottura degli automatismi quotidiani: è come se ci avesse permesso di riconoscere una serie di verità che mai prima d’ora avevamo visto così nitidamente.

In questi mesi abbiamo capito che la società, il territorio è un fattore protettivo: il corpo sociale ci protegge, ci fa da scudo con le sue istituzioni, i suoi corpi intermedi, le sue reti solidali. Nessuno può sentirsi protetto se intorno a sé ha una società disgregata.

Ci siamo accorti che, quando sulla società si abbatte un’emergenza, prima ancora che la forza dei singoli, è decisiva la tenuta della società. Ma una società tiene se i livelli di disuguaglianza non sono eccessivi. Abbiamo anche capito che ormai c’è un copione più grande da riscrivere: quello che riguarda il modello di sviluppo dei nostri territori.

Di fronte all’attacco al corpo sociale portato dal virus, abbiamo riconosciuto la funzione «essenziale» svolta da tutti coloro che «fanno società». Di chi – prendendosi cura delle persone più deboli, svolgendo funzioni di aiuto nei territori, promovendo forme di mutualità – si è rivelato essere «anticorpo sociale». Sono cittadini, professionisti, volontari, servizi, organizzazioni, gruppi...

Ripartire dai territori

Il lavoro sociale, educativo, di cura deve fare ritorno nei territori, forte della consapevolezza che il territorio (inteso non solo come spazio geografico, ma come insieme di relazioni) è il vero, grande fattore protettivo. Senza territorio i servizi implodono, senza territorio tante situazioni di fragilità esplodono. Per questo il grande investimento va oggi fatto nella cura delle relazioni dentro ai quartieri. È questa rete che sorregge le persone nelle loro cadute esistenziali, ma sostiene anche i professionisti nella loro possibilità di essere di aiuto.

Nei giorni del Covid lo abbiamo visto: dove le connessioni si sono attivate, le persone hanno ricevuto aiuti e sono stati scongiurati abbandoni. Il territorio è questa trama di connessioni e interdipendenze. Una tessitura che non è già data, ma va continuamente ricreata e alimentata.

Il progetto “Quartierando” mette il focus sulle relazioni e sul “prendersi cura”.

Gli obiettivi del progetto sono:

- Promuovere relazioni positive tra nuclei familiari, attraverso le quali giungere allo sviluppo di reti tra famiglie;

- Promuovere esperienze di prossimità tra famiglie, di sostegno nei compiti di cura ed educazione, occasioni di socializzazione;

- Promuovere il lavoro di rete, finalizzato al consolidamento delle relazioni esistenti e allo sviluppo di nuove relazioni tra persone, tra famiglie, tra organizzazioni.

 

Proposte

Individuazione referente di quartiere

Formazione referenti

Mappatura risorse e bisogni

Individuazione potenziali volontari di quartiere

Proposte di azione a livello micro e macro

Il progetto si propone di compiere il passaggio dai luoghi della cura alla cura e animazione dei luoghi perché:

“Non c’è sfida più bella di non perdere nessuno per strada, di non lasciarlo indietro.”
Lo ha scritto Mario Rigoni Stern nel suo "Il sergente nella neve".
 

Progetti con il territorio

Contattaci per informazioni

LA FAMIGLIA AL CENTRO

I nostri partner

Fondazione Cariverona
Cooperativa Sociale Yumè - Sogni Controvento ONLUS
Associazione Anni d'Argento